Fondazione Arena


facebook

FONDAZIONE ARENAimages: PREVALGA L’INTERESSE DELLA CITTA’
(Intervento On Gianni Dal Moro. L’Arena, ven 13 febbraio 2015)
Ho apprezzato l’apertura fatta dal Sindaco anche grazie all’insistenza di altri soci ad una ricognizione pubblica per selezionare la figura del nuovo Sovrintendente.
Ora mi aspetto di conseguenza che si scelga la figura migliore che per competenza, esperienza, managerialità e visione internazionale possa rilanciare la nostra stagione lirica e non solo.
Mi aspettavo però una procedura diversa che partisse non da una selezione ad personam ma da un coinvolgimento dell’ intero consiglio di indirizzo visto che come previsto nel nuovo Statuto della Fondazione la proposta del Sovrintendente da fare al Ministero spetta al Consiglio di indirizzo.
Non voglio fare il processo alle intenzioni, comprendo che il Sindaco in qualità di Presidente della Fondazione possa fare delle proposte al consiglio, mi limito a segnalare l’opportunità che vista la situazione diciamo molto complicata della Fondazione e il suo rilevante impatto sulla città, sia assolutamente necessario individuare con la massima trasparenza e il più largo coinvolgimento possibile  la migliore competenza nel nuovo delicato ruolo di Sovrintendente.
Non voglio assolutamente entrare nel merito delle candidature, ma chiedo al Sindaco di guardare oltre, serve ora non “un amico” ma “un competente”, un professionista affermato nel settore con esperienza manageriali e con rapporti internazionali e questo vale per tutti i candidati.
Quanto detto per il Sovraintendente vale a maggior ragione per una figura tecnica e professionale come il Direttore artistico, ruolo centralissimo.
Serve una selezione pubblica, iniziando a guardare anche dentro i curricula che sono già arrivati per la selezione di Sovrintendente.Mi auguro che prevalga la ragionevolezza rispetto alle legittime preferenze e spero in  una scelta di alto profilo, lo merita la città è la storia della lirica veronese.
Qui è in gioco non solo il futuro di una parte importante della nostra economia, ma la credibilità della nostra città.